L’art. 2 del Decreto Ministeriale n. 248 del 10 novembre 2016 chiarisce quali sono le categorie SOA relative alle Opere Superspecialistiche (c.d. S.I.O.S.) per la quale l’art. 89 del D.Lgs. 50 del 18 aprile 2016 (Codice dei Contratti) prevede il divieto di avvalimento.

Il divieto di avvalimento vige quando l’importo della categoria superspecialistica è maggiore del 10% dell’importo totale dei lav ori, e tra queste vi è la categoria OG 11.

Ma quando è possibile ricorrere all’istituto dell’avvalimento della categoria OG 11?

Ricordiamo che, come stabilito (e ribadito) dallo stesso Decreto n. 248 all’articolo 3, l’operatore economico in possesso della certificazione SOA nella categoria OG 11 può eseguire i lavori in ciascuna delle categorie OS 3, OS 28 e OS 30 per la classifica corrispondente a quella posseduta.

La categoria OS 30 è compresa nell’elenco di cui all’art. 2 del Decreto in questione, ma le categorie OS 3 e OS 28 non sono state ritenute “superspecialistiche" tale per cui nessun limite è posto nel caso in cui si volesse utilizzare l’istituto per una di queste due categorie.
Provando a concatenare quest’ultima enunciazione con quanto previsto all’art. 3, possiamo dedurre la possibilità di prestare ausilio della categoria OG 11 allorquando nel bando di gara è prevista una delle categorie OS 3 e/o OS 28.
Per comprendere meglio il passaggio, bisognerebbe idealmente scindere le categorie richieste dalle categorie della quale ci si avvale!

Ricordiamo che rimane sempre vietato l’avvalimento quando tra le categorie previste dal Bando di gara vi sono la OS 30 e la OG 11, e queste superano il 10% dell’importo totale.